• Come fare Content Marketing nel 2019

    Come fare Content Marketing nel 2019

Venerdì, 01 Febbraio 2019

Come fare Content Marketing nel 2019

Le principali novità e i vantaggi di un'ottima strategia di Content Marketing

Molti dei nostri lettori conoscono bene il Content Marketing ma, per chi fosse meno avvezzo a questi termini sempre più social, riportiamo la “storica” definizione del Content Marketing Institute, che lo ha definito come:

Una tecnica volta a creare e distribuire contenuti rilevanti e di valore per attrarre, acquisire e coinvolgere un pubblico ben definito e circoscritto, con l’obiettivo di guidare l’utilizzatore a compiere azioni volte al profitto dell’azienda.

E – infatti – al giorno d’oggi le aziende di tutto il mondo utilizzano il content marketing per arrivare al proprio pubblico: creano e pubblicano contenuti di valore che aiutano, informano e intrattengono gli utenti.

contenuti content marketing

L’obiettivo di ogni brand – quindi – è quello di raggiungere le persone in modo chiaro e spontaneo, attraverso contenuti di valore che rispecchino l’anima del brand.

Soprattutto all’interno di un contesto sempre più online, come ci suggerisce il Report annuale Digital 2019  (pubblicato da We Are Social e Hootsuite), le uniche aziende a rimanere competitive sul mercato saranno quelle che sapranno fare content marketing in modo innovativo.

Il contenuto si trova proprio al centro della relazione tra azienda e cliente: che sia un’immagine o un video, l’importante è che attragga e comunichi il vostro messaggio alle persone che vi seguono.
Ma quali requisiti devono possedere i nuovi contenuti del 2019?

AUTENTICITA’ E TRASPARENZA

Iniziamo da queste due parole d’ordine.
Con l’arrivo del nuovo anno, puntare su contenuti autentici è importante non solo per raccontare la storia e la mission del brand ma anche per attirare e coinvolgere gli utenti.
Vediamo, spesso, aziende investire su contenuti poco sinceri, che non sfuggono all’occhio sempre più attento del popolo del Web.
Un brand che pubblica contenuti in cui non crede o incoerenti con quello che fa, perde credibilità agli occhi delle persone.
Il content marketing non ha come obiettivi soltanto promozione e vendita ma anche – e soprattutto – quello di creare valore!
Puntare su autenticità e trasparenza significa aumentare la fidelizzazione del cliente.

auntenticità fidelizzazione cliente

A conferma di quanto detto, le indagini condotte da esperti del settore come Hubspot e Social Media Today rivelano che quasi il 90% dei consumatori ritengono l’autenticità un elemento di differenziazione che si tramuta in acquisto del prodotto.

VALORE E PERSONALIZZAZIONE

Quello che conta non è la quantità ma la qualità!
Ogni giorno le aziende pubblicano milioni di contenuti ma soltanto alcuni riescono a coinvolgere gli utenti.
Si tratta di quelli che forniscono un valore aggiunto e attirano l’attenzione del popolo del Web.
Come fare?
Innanzitutto, è importante distinguersi dalle aziende concorrenti e ricordare che il contenuto deve essere fruibile da qualsiasi dispositivo.
Bisogna, poi, suscitare risposte emotive quali –  ad esempio – stupore o partecipazione e avere come obiettivi la viralità e la condivisione dei contenuti: se gli utenti saranno entusiasti del contenuto pubblicato, interagiranno con esso e più lo condivideranno più questo sarà virale.
Per quanto riguarda la personalizzazione, lo scorso anno lo studio condotto da Yes Lifecycle Marketing ha fatto emergere un dato alquanto allarmante: solo l’11% dei marketer mette in atto strategie di personalizzazione dei contenuti in tempo reale.
Nel periodo “social” che stiamo vivendo, invaso da milioni di contenuti, è davvero importante conoscere il pubblico destinatario della vostra comunicazione e diventa – così – altrettanto importante personalizzare i vostri contenuti.

personalizzazione contenuti marketing

Per esempio, un cliente leggerà volentieri una e-mail che contiene all’interno dell’oggetto il suo nome in confronto alle centinaia che riceve ogni mese.

CHATBOT

Non vi sono dubbi sul fatto che la tecnologia stia avanzando senza sosta e ci stia semplificando le cose.
Da alcuni anni i brand hanno iniziato ad adottare degli strumenti, chiamati chatbot, che hanno l’obiettivo di personalizzare l’esperienza di navigazione dell’utente ed aumentare, così, il suo coinvolgimento.

chatbot content marketing

Dotati di intelligenza artificiale, i chatbot dispongono di funzionalità che soddisfano sempre di più le esigenze dei consumatori e offrono un servizio di customer care sempre attivo.
I chatbot risultano estremamente utili per gli obiettivi di vendita delle aziende e agiscono positivamente sulle conversioni e – soprattutto – sulle transazioni!
L’AssistenteGoogle, il chatbot intelligente di Google – ad esempio – risponde a tutte le domande dei clienti e garantisce un’assistenza istantanea a qualsiasi ora del giorno e della notte e su qualsiasi dispositivo.
Nel 2018 si è registrato un incremento vertiginoso di questi strumenti, destinato ad aumentare nel 2019.

MICRO-INFLUENCER MARKETING

Chi non conosce Chiara Ferragni o Mariano Di Vaio?
Ecco, loro rientrano nella categoria dei macro-influencer: personaggi famosi, importanti e autorevoli, con milioni di follower, che sponsorizzano diversi brand mondiali.
La novità nel 2019 sarà, invece, l’utilizzo dei micro-influencer: persone “normali” che hanno meno di 10.000 follower.
I micro-influencer sono considerati esperti del settore e rispondono ad esigenze economiche, per così dire, più “accessibili” per aziende che vogliono promuovere i propri prodotti.

micro influencer marketing

Questi personaggi, distanti “follower-luce” dai più famosi Ferragni e Di Vaio, hanno la capacità di stabilire una relazione più “normale” con il pubblico di destinazione ed incrementare la consapevolezza del brand.
Nel 2019 i micro-influencer sono, quindi, destinati ad aumentare… Ma non troppo!

Scritto da

The BB's Way

CONTACT US

info@thebbsway.com
TEL. 3924078204
Via Rapallo 9/A, Parma

 

Seguici anche su instragram!

thebbsway
thebbsway
thebbsway
thebbsway
thebbsway
thebbsway